21.1.17

LE DONNE, E IL GRANDE INCUBO DEI BILANCIERI

La relazione tra le donne e la ghisa potremmo definirla travagliata e complicata.
E' in uso credere che i bilancieri siano portatori di trasformazione e orrori fisici. 
E no, che cacchio.
 
Gli unici orrori fisici vengono fuori se mangi la nutella tutto il giorno, o ti fai di stereodi, non se tiri su due pesi

PINTEREST

L'argomento in questione è senza dubbio incadescente, e molto spinoso, come dice il mio PT Nicola Giovannini , perchè alla richiesta di un programma allenante, il desiderio femminile è sempre lo stesso: "vorrei dimagrire, snellire i fianchi, avere un girovita come l'ape regina, ma niente pesi, perchè altrimenti mi viene il fisico da uomo o come quelle donne culturiste."
(E certo, dico io: se vuoi, con la bacchetta magica di Harry Potter puoi anche essere Giselle).

Il punto è, che ognuna di noi vuole avere un corpo tonico, non flaccido.
Il punto è che bisogna farsi il culo e spingere aldilà dei proprio limiti mentali.

Io, sono stata uno di voi. 
E a riguardo, sono stata un vera spina nel fianco per il mio PT.
Per anni anche durante i circuiti e workout, tendevo a utilizzare carichi bassi facendo tante ripetizioni, con l'intento di tonificare senza ingrossare troppo, ma anche con l'idea di non riuscirci
In verità, una mega cazzata. 
Un giorno ho capito che stavo perdendo tempo, perchè, dopo un primo iniziale cambiamento, mi ero nuovamente fermata, allontanandomi anche da quello che era il mio obiettivo. Così, nonostante la mia incertezza e testardaggine ho deciso di fidarmi del mio maestro e anche del mio fisico.
 
   
Per raggiungere l'obiettivo desiderato, e ridurre il grasso corporeo dobbiamo "potenziare il motore", e il motore non è altro che la massa muscolare sottostante, la quale provvederà a utilizzare il vostro adipe come carburante, spiega Nicola, in un primo colloquio per definire un adeguato e personalizzato programma di allenamento. 
Se aumentiamo la massa muscolare, aumenteremo il tasso metabolico, in pratica consumerò di più, andando infine a tonificare.

Avete capito che ha detto?
D-I-M-A-G-R-I-R-E-M-O 

E allora, come mai ancora con questo mito che i pesi fanno male alle donne
Vediamo nel dettaglio dove ci perdiamo

Per prima cosa, dovremmo rivedere la visione alquanto distorta sul come si perde peso davvero: lasciatevi guidare, da chi è competente in materia, l'aerobica, la zumba, il nostro tapis roulant non sono così efficaci, sempre se non volete farlo per tutto il giorno e per tutta la vita.

Quindi, per "indossare" la vostra massa magra, tonificare e infine definire, bisogna fare i pesi. 

Ma, poi cosa vi fa pensare che mettere su i muscoli sia così semplice?
Insomma, non è direttamente proporzionale al fatto che andiamo in palestra e ci avviciniamo ad un bilanciere.

Vuoi le chiappe sode.
FAI GLI SQUAT CON I PESI.

Vuoi l'interno coscia tonico.
FATE I PESI
Ovviamente nel giusto modo. 
I workout, ci spiega Nicola, dovrebbero essere composti da carichi che superano il 70% dei vostri massimali, rispettando tutti i parametri di recupero e velocità di esecuzione, finalizzati all'ipertrofia (ovvero ad un programma di tonificazione e quindi di aumento massa magra).
 

Se ancora non siete convinte che utilizzare dei carichi superiori a 2 kg produca effetti benefici, vi svelo un segreto scientificamente provato: l'esercizio con sovraccarichi rafforza il tessuto osseo rendendolo più compatto e denso. Questo, per noi donne è importante per una prevenzione primaria e secondaria all'osteoporosi, che con la menopausa (purtroppo) inzierà a manifestarsi naturalmente. 

Care amiche, a me la ghisa ha alzato il metabolismo, bruciando più calorie anche a riposo, ma soprattutto ha salvato le mie chiappe.

********************************
Segui me su instagram a @cronachediunabionda e
il mio coach su ig @nicola.giovannini_pt per tutte le info e
workou personalizzati.


      

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email

 

Google+ Followers

Translate

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

Blog Archive