27.3.15

Essere pronti a fare un figlio? O essere disposti ad adattarsi alcambiamento di vita?

Da anni mi sento ripetere, la stessa domanda: "ma voi quando lo fate un figlio?" 
E da il numero delle persone che me lo chiedono, mi sembra che tutto il mondo non attenda altro, da noi due.




Definita da molte donne, come quella "cattiva e poco sensibile", quando affermo che lui è da tempo pronto su i blocchi di partenza, ed io invece non ho ancora preso posto negli spogliatoi,mi sono chiesta, ma sto aspettando il momento giusto per fare un figlio? O sono una procastinatrice seriale?



No, non penso.
E a mio parere non credo esista.

Quello che dovrebbe esistere, sono motivazioni solide e molto chiare, che vadano aldilà del sostenere teorie basate su: "gli altri ne stanno facendo uno", perchè se queste sono le premesse non saranno durature. 

Ma allora quali sono i presupposti per fare un figlio?

In molti, credono ancora che un bambino sia la soluzione a i problemi di coppia, cosa che può risultare alquanto devastante, e altri, invece sono soltanto spinti dall'ansia dello scorrere del tempo.

Quindi, partendo da quel concetto che una relazione solida e stabile sia da default, e fermo restando che un figlio ti cambia la vita e l'intera esistenza, forse dovremmo chiederci cosa davvero desideriamo.


Dal canto mio, nelle mie lunghe chiaccherate con me stessa, mi sono detta:

- Fare un figlio fa parte dei miei progetti di vita? O di quelli che qualcun altro si aspetta da me?

- L'orologio biologico ha iniziato a girare? O forse è il desiderio di condividere qualcosa di indissolubile con il proprio compagno?




Io sono ancora quì, a volermi illudere di cercare una risposta a queste domande, ma proprio mentre sto scrivendo questo post, credo che in fondo per fare un figlio non importa quanto siamo pronti, ma quanto saremo disposti ad adattarci a un modo e uno stile di vita semplicemente diverso da quello che stiamo conducendo ora.


9 commenti :

  1. Marzia! ciao! e' proprio cosi'! un figlio ti cambia la vita, ti stravolge le tue abitudini, e' un ciclone che arriva e devi riorganizzare tutto e sopratutto te stessa. Io non sono piu' Enrica. Sono Enrica+Valeria+Leonardo. Ed e' una cosa totalmente diversa, io sono tre, penso per tre, devo. I cambiamenti sono quotidiani, non si fa in tempo ad abituarsi a certi ritmi che loro hanno gia' cambiato gusti ed esigenze! E io corro in tutti i sensi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco detto questo ora sono uscita dagli spogliatoi...:)
      Quello che dici è proprio vero lo vedo con le mie amiche che hanno i figli. Noi ci stiamo lavorando vedremo...purtroppo sento in giro motivazioni poco chiare, o soltanto per l'orologio biologico e questo mi fa tanta tristezza.

      Elimina
  2. Allora, io posso solo essere sincera e dirti una cosa che molte mamme non ammetterebbero mai neanche sotto tortura. Io non l'ho cercato, non lo volevo, neanche ci pensavo. E' capitato, certo ne sono felice, ci mancherebbe, ma tornassi indietro starei più attenta e aspetterei. Avevo 29 anni e volevo ancora divertirmi e farmi i fatti miei in santa pace. Con un figlio tutto cambia. Poi certo, sta alla coppia poter avere la fortuna di organizzarsi per non far morire il rapporto a due o incominciare a vivere in balia del figlio. Il mio compromesso è stato che tutti i fine settimana lo mollo (si esatto, lo mollo proprio) ai nonni e io e mio marito ci facciamo la nostra vita di sempre. Non mi sento ne stronza ne egoista e non ho alcun senso di colpa, semplicemente non ho la minima intenzione di rinunciare a me stessa, alla mia vita e a chi sono. Vedo e ho conosciuto mamme che con un figlio si sono completamente annullate come donne e individui. Il mio unico consiglio è quello di cercare di ritagliarvi sempre e comunque i vostri spazi a prescindere dai figli. Siete una splendida coppia, non ho dubbi che un domani andrete alla grande anche con un bambino. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grande! hai fatto bene...anche una mia amica lo fa...diciamo che è stata spinta da suo marito che nn transige, il fine settimana mollano la bambina.
      Confesso, sono io ad essere quella che ha pensieri e tc, lui è calmo e tranquillo.
      Grazie del tuo commento e dei tuoi consigli.

      Elimina
  3. Ciao! Eccomi qui, incinta all'8 mese!
    Non so perché gli altri facciano figli. Io lo faccio perché amo mio marito come mai potrei amare nessuno, non sono mai stata così felice come da quando c'è lui. Penso che insieme siamo una forza e non vedo l'ora di vedere che cosa riusciremo a fare addirittura in tre. Di sicuro ne vedremo delle belle e non vedo l'ora di conoscere il terzo pezzo della mia famiglia!
    Quanto alle coppie e alle donne che si annullano, credo che una cosa non escluda l'altra: ci possiamo truccare, tenere in forma, divertire, essere sexy anche da mamme. Essere mamma non vuol dire smettere di essere donna, così come non ho smesso di essere "la ragazza" di mio marito solo perché ci siamo sposati.
    La nostra vita verrà stravolta, è vero, ma sono fermamente sicura di non volere una vita monotona ;-)

    RispondiElimina
  4. allora intanto congratulazioni, e mi sa che hai proprio ragione bisogna farsi travolgere.
    Spesso lo dico a i miei pazienti e ora che ci penso sono io la prima a bloccarmi.
    grazie del tuo commento e delle tue parole piene di amore..diciamo che mi hai contagiato :)

    RispondiElimina
  5. Wow che commenti, qualcuno da qualche parte ha detto che la scelta di un figlio è pura illogicita'. Comunque mia figlia è la cosa più bella che ho. Un papà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bello che anche i papà intervengono...si è vero è illogico e non razionale....al momento attendiamo se mai arriverà..

      Elimina
  6. Wow che commenti, qualcuno da qualche parte ha detto che la scelta di un figlio è pura illogicita'. Comunque mia figlia è la cosa più bella che ho. Un papà

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email

 

Google+ Followers

Translate

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

Blog Archive