30.10.14

Dicono di noi che siamo Arroganti e Giudicanti.

Secondo un recente dibattito scientifico, è emerso che l'universo femminile è in totale rivoluzione.
Dicono di noi che siamo arroganti e giudicanti.


Che cosa è l'arroganza negli anni 2.0?
Non esiste un significato diverso da quello che la storia ci insegna, ma oggi più di ieri sembra che l'essere arroganti sia diventato un vero mood.
Ma allora è vero ciò che dicono gli uomini? Siamo donne arroganti e giudicanti tanto da raffigurarli come dei giocatori secondari?
Forse. 
E dove lo siamo di più?
Il recente dibattito, verteva perlopiù su le nuove generazioni e il sesso, che più di tutte sembrano essere colpite dal virus "narcisistico", tanto da rendere le femmine spietate e senza freni, nei confronti "dell'ancora poco maturo" popolo maschile.


Da un punto di vista psicologico, essere arroganti e guidicanti, nasconde un’incertezza sulla propria identità e posizione sociale. Ma viviamo in una società del tutto e subito dove nessuno può restare indietro ed essere inferiore, specialmente quando si tratta del sesso.

Nessun errore, performance da Rocco Siffredi, nessun imbarazzo: questi sono i nuovi parametri  dell'universo 2.0. E i maschi?

I più remissivi e impacciati pagano le conseguenze di tutto questo caos, ricorrendo in alcuni casi a terapie d'urto per effettuare le prestazioni da porno divo, tutto soltanto per ridurre al minimo il danno.
Sì, il danno di fare la figuraccia, di non essere all'altezza, perchè l'importante è soltanto apparire.  
Dietro a tutti questi atteggiamenti c'è una profonda solitudine e incapacità a rapportarsi in maniera adeguata con gli altri, portando maschi e femmine con un cambio/scambio di ruoli.
Ed ecco affermare che "le ragazze di oggi sono troppo giudicanti".

Una realtà scottante, che noi over trenta, stiamo imparando a conoscere; noi quelle vincolate ai vecchi stereotipi sociali e mentali, dove la prima volta non è mai bella, dove tutto non è nero e bianco ma c'è anche un'infinità di grigio.

Ma in fondo cosa ha permesso tutto questo?  
La donna è troppo arrogante e aggressiva, o  l'uomo sta perdendo la sua virilità?
Forse è il classico quesito da "nasce prima l'uovo o la gallina", forse sono cambiati i contesti e le necessità, o forse è l'insieme di tutti questi fattori.


www.weheartit.com

















Però fatevi dire una cosa: è facile per noi femminine essere giudicanti, ed è altrettanto semplice fare delle buone performance, ma ricordatevi non siete a fare una gara dove chi arriva primo vince, state facendo del sesso non ginnastica!



10 commenti :

  1. Ciao Cara,
    Complimenti per il tuo Blog :)))

    Nuova Follower, se ti va passa a trovarmi:
    http://violettaviola01.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. Il problema vero è che in passato le donne sono state troppo remissive, delle bamboline messe lì che, con mutismo e rassegnazione, avevano il DOVERE di soddisfare il maschio di turno. Il piacere di lui sopra ogni cosa, il piacere di lei non era nemmeno preso in considerazione. Lui manco si sognava di chiedere "ti è piaciuto?". Se lo faceva la risposta era "Si, caro", anche se loro, le donne, avrebbero volentieri preferito fare 38 lavatrici, stirare pure le camice dei vicini e pulire i cessi degli autogrill pur di evitare di far l'amore con loro. Ovvio che oggi che le donne han preso potere e coscienza di ciò che sono anche i loro diritti sotto le lenzuola e hanno cominciato a pretendere, l'uomo si sente confuso e spaventato e se gli viene la malaugurata idea di chiedere: "ti è piaciuto?" rischia di beccarsi una rispostaccia che nemmeno Mara Maionchi quando è particolarmente contrariata. E da lì, noi donne che vogliamo solo la nostra sacrosanta fetta di piacere, finiamo per diventare le streghe cattive che giudicano. Non è che giudichiamo, è che gli uomini fino a ieri sono sempre stati pressochè incapaci (e ora, uomini massacratemi pure) e le donne facevano finta di nulla, oggi glielo facciamo notare e loro ...PAUUURA!! Ed è così che diventiamo aggressive e giudicanti. Evidentemente ce n'è da giudicare!!!!
    P.S. sto preparando anche io un pezzo su questo ampio tema....presto lo pubblicherò su mucicalmentedonna.blogspot.it, sarò felice di averti come lettrice e di avere il tuo parere e, perché no, anche quello di altre donne. Mi piace lo scambio di opinioni al femminile, non disdegnando, ovviamente, anche il punto di vista maschile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ruolo delle donneè vero prima era troppo remissivo, a noi non era concesso niente. che ci sia da giudicare quello di sicuro, ma sai io sempre per le vie di mezzo sarà deformazione professionale, ma è fondamentale che ci siano.
      Attendo il tuo pezz, 'argomento è attuale e interessante,io come opinione maschile sento quello dei miei colleghi e pazienti ma nn posso esprimermi :))))

      Elimina
  3. Arroganti e giudicanti? forse....
    forse è solo una maschera per nascondere la fragilità interiore.
    Donne forti ce ne sono, ma sono poche, pochissime.
    Le altre, quasi tutte, solo sembrano forti e poi in realtà sono tutte uguali...tutte desiderose di essere sposate, nessuna in grado di stare da sola. Abbaiano e mai mordono.
    fino ad arrivare alle più masochiste (...azzarderei anche un po' stupide) che piuttosto che prendere in mano la loro vida e viverla si lasciano abbindolare dalla più falsa delle promesse.
    L'arroganza che vedo mi fa sorridere, di un umorismo pirandelliano però..

    RispondiElimina
  4. Sul "tutte desiderose di essere sposate" mi permetto di dissentire con forza! Probabile che molte donne siano ancora proiettate verso il matrimonio come fosse l'unico modo per sentirsi realizzate, come se essere "la moglie di" potesse dar loro una dignità che, invece, da single, non sentono di avere. Beh, lo dico senza cattiveria, con la massima sincerità, le donne di questo tipo mi mettono tanta tristezza. Per fortuna, però, le cose, oggi, sono un pò cambiate. Di donne che sanno stare sole, che si sentono realizzate per altri motivi, per altri traguardi raggiunti, indipendenti e fiere, ce ne sono moltissime, forse più di quanti sono gli uomini che sanno stare da soli. Perché sono proprio i maschietti che cercano la donna per solitudine, che soli vanno in crisi esistenziale. Le donne, oggi, sono più forti e consapevoli di ciò che valgono, anche senza avere accanto una presenza maschile! Il matrimonio non è più il primo pensiero né l'unico traguardo che ci poniamo. Anzi, ti dirò di più, ci sono donne che al matrimonio dicono no, perché abbiamo capito anche che, spesso e volentieri, è una trappola che la dignità e la realizzazione, alla fine te la toglie, insieme alla felicità Basti guardare le coppie sposate e chiedere loro se sono felici. Le donne della coppia (ma anche gli uomini) rispondono sempre con un ghigno di nostalgia per la vita da single. Per non parlare del numero di amanti che popolano quei matrimoni. Questo la dice lunga sul tanto ambito matrimonio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono in coppia...ma nn penso al matrimonio e nemmeno ci penso.Ci sono donne forti, ma molte sono ancora ancorate a vecchi stereotipi mentali.Ma meno male come dice Lady Rock ci sono anche tante donne che richiamano la propria indipendenza e ruolo a prescindere da tutto.
      Credo non ci sia verità assoluta ma solo qualcosa che sta nel mezzo.

      Elimina
  5. Dici bene Ladyrock, le donne, oggi, sono più forti e consapevoli di ciò che valgono, anche senza avere accanto una presenza maschile. Questo vale come discorso generico ma, credimi, purtroppo, ci sono ancora troppe donne che hanno BISOGNO di una presenza maschile accanto (per diversi motivi). Molte nemmeno se ne rendono conto! Anzi, a gran voce decantano la loro indipendenza, la loro identità, e poi però non fanno un passo senza il proprio lui. Per non parlare di quelle che si fanno trattare male...quante ancora ce ne sono?!
    Io stimo profondamente quelle poche agiscono come dici tu.
    Sono merce rara però, ma per fortuna che esistono e, spero, si moltiplichino.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email

 

Google+ Followers

Translate

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

Blog Archive