21.1.14

Madri troppo ingombranti.

Fin da quando nasciamo, noi del genere femminile tendiamo a relazionarci con gli uomini in modo del tutto sbagliato. 
Ci innamoriamo dei cattivi ragazzi, perdiamo la testa per uomini già occupati e  dedichiamo gran parte delle nostre energie in storie completamente fallimentari. 

Dopo infinite ricerche e terminato tutte le lacrime in dotazione, è il momento di svolta da single e sfigata che eri, finalmente giunge quello che per definizione è il"gran culo di Cenerentola", il cosidetto: uomo giusto. 

Scena del gran culo di Cenerentola (Pretty Woman)

Così da donne che siamo, diventiamo madri e quando pensiamo di aver smesso di fare errori in questione uomini, continuiamo a sbagliare ancora, quando la natura ci regalerà un figlio maschio.
Google Images
Improvvisamente, dimentichiamo, resettiamo il vero significato di Uomo.

E' cosa nota da tempo che i maschietti siano meno precoci delle femminucce, il divario fisico e mentale è chiaro fin dai i primi passi e a parte qualche rara eccezione, sarà così per molto tempo. Invece di renderli indipendenti e staccati dal famoso cordone, facciamo di tutto per evitare che il nostro maschio spicchi il volo.

Queste sono le madri ingombranti e troppo invandenti, onniprensenti e tutto fare, pronte a soddisfare le esigenze del proprio "bimbo". Un concetto che si vedrà prolungare fino a i primi 40 anni.

Quel mostro di mia suocera
I maschi, specialmente nella fase adolescianziale sono dei veri "tallocci"; con facce perse in un vuoto cosmico ed esistenziale, e se già per loro è tutto complicato e difficile, una madre scomoda renderà questi maschi completamente lobotomizzati.
Quindi siamo noi donne le fautrici di uomini con un pedigree non decisamente da gara?
Assolutamente sì. 
Madri dominanti, prottettive, rassicuranti, portano l'uomo a sognare una donna ideale, fotocopia della mamma stessa. In questo modo renderemo il maschio incapace di raggiungere la propria indipendenza e autonomia, ma soprattutto saranno anche quelle che non consentono ai figli di emanciparsi emotivamente e tendono a troncare sul nascere le tensioni, gli scontri e le lacerazioni tipiche di un processo di separazione genitore-figlio.

Spot Pubblicitario (mamma ingombrante)
Nonostante tutte le difficoltà che abbiamo incontrato con gli uomini, e le infinite volte che abbiamo maledetto suocere o anche semplicemente nostra madre per il rapporto con il figlio maschio, continuiamo a sbagliare e lo faremo ancora. 

In fondo credo che siamo geneticamente fatte così, li amiamo prima, li odiamo poi, per poi riamarli da mamma per tutta la vita. 


 

6 commenti :

  1. Ci credi che ieri sera pensavo proprio questa cosa? Avevamo finito di cenare e mio figlio (tre anni e mezzo) mi chiede se gli sbucciavo un mandarino. L'ho fatto ovviamente ma mi son domandata se quando avrà 18 anni farò lo stesso nel caso abbatetemi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ihhhh.....spero per te no che tu non ci arrivi mai :) ma ho sentito cose agghiaccianti tipo: una madre mi chiama per prendere appuntamento x il suo bimbo ed io che gli faccio ma quanti anni ha suo figlio?? e lei mi dice 34 anni ecco....ed io penso ANNAMo Bene noi Italiani!!!!!!

      Elimina
  2. fortunatamente mia madre non è così :-)
    a 5 anni mi hanno spedito in un collegio svizzero e mi ha sempre insegnato ad arrangiarmi
    Ciò non toglie che le voglia un bene dell'anima, ma da sempre la vedo più come un'amica
    Stessa cosa con mio padre
    Non posso che ringraziarli per questo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh sono pochi i casi come tuoi...anche se in parte credo funzionano alla grande:)
      grazie a te della visita e del commento:)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Follow by Email

 

Google+ Followers

Translate

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

Blog Archive